Home » Ultime notizie » pazienti » I margini di recupero ci sono

I margini di recupero ci sono

I margini di recupero ci sono

Salve in breve vi racconto la mia storia.

Mi chiamo Ivan e ho 57 anni, un lavoro che amavo moltissimo, impiegato c/o un’azienda raccolta rifiuti su Firenze  esattamente lavoravo  ad un pc in un ufficio commerciale e organizzavo servizi raccolta rifiuti sia speciali che non speciali a domicilio a pagamento.

Mi passava il tempo talmente velocemente che non mi accorgevo quando era l’ora di far festa.

Sono felicemente sposato con Patrizia e da un anno siamo diventati nonni di Matilde,  una bambina magnifica riccioli biondi e occhi azzurri alla quale voglio un bene immenso ma purtroppo il 26 agosto 2013 il tragico incidente in autostrada mi ha tolto tutte queste cose.

Dopo l’ictus ho intrapreso il solito iter della fisioterapia, avevo perso tutta la parte sx nell’incidente e ad oggi a quasi 9 mesi riesco a camminare senza nessun appoggio anche se non molto bene il braccio riesco ad alzarlo in parte come le dita ma non ho forza nel prendere gli oggetti.

Mi dicono tutti che i margini di recupero ci sono ma ho paura di non farcela e ogni tanto mi viene da piangere e mi prende lo sconforto.

Mia moglie mi sta sempre vicina anche quando usciamo perché la stabilità non è che sia molta, pensate che ero un amante della bici sia mbk che da corsa e non sentivo mai la fatica.

Avrei ancora tanto da raccontare per il momento chiudo qui.

Un abbraccio a risentirci presto.
Ivan

One Response so far.

  1. Avatar angelo ha detto:

    “Mi dicono tutti che i margini di recupero ci sono ma ho paura di non farcela e ogni tanto mi viene da piangere e mi prende lo sconforto”.

    Sapessi quante volte mi è successo e, inizialmente,quando ancora non riuscivo a percepire i miglioramenti,ho anche pensato di farla finita ma,fortunatamente,l’ictus non aveva interessato tutto il mio cervello 🙂

    Coraggio,continua a combattere,affina le tue sensazioni e riuscirai a riconoscere i miglioramenti,talmente piccoli da risultare impercettibili ma…….”anche una goccia riesce a scalfire una roccia”

    Ciao Ivan,non mollare e tanti auguri

    Angelo.