Home » Ultime notizie » La firma del paziente emiplegico

La firma del paziente emiplegico

Firma paziente emiplegico

Risposte ad un problema frequente dopo un ictus

Un problema ricorrente in caso di emiplegia è la questione della firma che cambia rispetto al passato o perchè si è costretti a scrivere con la mano opposta a quella usata solitamente o perchè con una limitata mobilità della mano generalmente usata il tratto e la grafia appare visibilmente cambiato .

Su questo argomento abbiamo chiamato in causa il nostro servizio di assistenza legale, Emmy tutela, che ha espresso così il suo parere:

“il problema posto è di facile soluzione. Premesso che la firma rappresenta per chi l’appone un suo tratto distintivo che lo collega alla sua persona.

Detto ciò, ci sono diversi aspetti nei quali la firma autobiografica costituisce un elemento importante e fondamentale per il collegamento ad personam con l’autore.

Nel campo prettamente privatistico ( contratti ) l’autenticità della firma e quindi la sua provenienza la controlla il soggetto che conclude un contratto con l’emiplegico o un qualsiasi atto giuridico, In questo caso, non ha importanza se la firma venga apposta in stampatello perchè ciò che conta è l’autenticità della stessa. Lo stesso dicasi per i rapporti con la pubblica amministrazione laddove l’autenticità della firma, anche se è a stampatello, viene certificata dal funzionario pubblico della P.A. che contrae con il soggetto emiplegico.

L’unico problema che potrebbe insorgere si presenta nelle situazioni in cui vi è stata una precedente individuazione di firma tramite deposito: E’ il tipico caso della firma in banca laddove occorre una sostituzione della precedente firma con l’altra in stampatello. Per il resto, non ci possono essere problemi perchè, come ho detto sopra, per la legge ciò che conta è genuinità della firma stessa.”

Nel caso di delega ( a riscuotere o ricevere qualcosa) il problema della firma esiste ma si può risolvere sia con una procura notarile che con una semplice delega con firma autenticata da un pubblico ufficiale .
Una soluzione economica e pratica è sicuramente quella di rifare il documento di identità con apposizione della nuova firma.