Home » Parlane con Emmy, servizio di sostegno psicologico

Parlane con Emmy, servizio di sostegno psicologico

emmy servizio sostegno psicologico

Il servizio di sostegno psicologico è l’idea di cui andiamo più fieri perché nella nostra esperienza di aiuto alle famiglie che vivono il dramma dell’ictus in casa, abbiamo compreso che la componente psicologica è fondamentale e spesso sia i pazienti che i familiari stessi hanno bisogno di un sostegno professionale per poter gestire lo stravolgimento che ha causato l’ictus.

Un ictus stravolge tutti i meccanismi che una famiglia si è costruita in una vita intera, tempi, ruoli, relazioni e sentimenti, per questo in seguito ad un evento così destabilizzante spesso abbiamo bisogno di un qualcuno che ci aiuti a riprogrammare il nostro modo di affrontare questa nuova vita, e questo è tanto vero per il sopravvissuto all’ictus quanto per tutti i componenti della sua famiglia.

Ognuno di noi ha pensato di rivolgersi ad uno psicologo in seguito all’ictus, ma tanti sono stati i freni, lo spostamento verso lo studio, il costo delle sedute o semplicemente la paura di aprirsi.

All’interno del nostro gruppo di Facebook in centinaia hanno mostrato la necessità di ricevere un supporto psicologico per la famiglia ed almeno il 30% delle chiamate che riceviamo attraverso il numero verde sono rivolte alla richiesta di sostegno psicologico per questo con l’aiuto dei professionisti psicologi della lista blu abbiamo creato il servizio “Parlane con Emmy: sostegno psicologico”.

piano psicologico

Donazione Libera – 2 sedute di terapia psicologica on-line gratuite – prezzo di convenzione di 40€ per le successive solo se deciderete di continuare il percorso.

emmy-linea-aiuto numero verde

Submit

 

Come funziona?

Come sapete la filosofia della nostra associazione è quella di lasciare liberi i nostri servizi per tutti i cittadini senza richiedere pertanto quote di iscrizione o tesseramenti annuali, per questo il servizio di sostegno psicologico è aperto a tutti coloro che vogliono sostenerci con una donazione libera.

Una volta effettuata la donazione, avrete a disposizione 2 incontri interamente gratuiti con uno degli psicologi della lista blu, questo vi permetterà di conoscere il professionista e di constatare gratuitamente l’efficacia del percorso terapeutico che avrete di fronte. Una delle nostre missioni è quella di abbattere le barriere architettoniche per questo le sedute psicologiche avverranno tramite Skype®, il servizio gratuito di video chiamata che conoscerai sicuramente. Oltre alle 2 visite gratuite la nostra associazione ha stipulato con i professionisti che aderiscono all’iniziativa una tariffa di convenzione per le eventuali sedute successive che deciderete di eseguire, che sarà di 40€. Il rapporto successivo con il professionista che deciderete di percorrere sarà gestito interamente da voi, non ci sarà nessuna commissione da parte dell’associazione, ma l’opportunità di ottenere un servizio sempre di alto livello e con onorari controllati.

Controllo della qualità

Il Gruppo Ictus Emiplegia Onlus per garantire la qualità del servizio ha preventivamente controllato i titoli di studio di ogni professionista e l’iscrizione agli albi, uno ad uno ed ha controllato la qualità della connessione on-line, una volta effettuata la donazione verrete contattati da Emmy Linea Aiuto per controllare anche la qualità della tua video chiamata e ti fornirà tutti i dettagli per ottenere i tuoi incontri gratuiti con lo psicologo. In base anche ai vostri feedback sul professionista saremo anche in grado di poter selezionare al meglio gli psicologi che fanno parte della nostra lista offrendovi sempre la migliore scelta.

piano psicologico

Donazione Libera – 2 sedute di terapia psicologica on-line gratuite – prezzo di convenzione di 40€ per le successive solo se deciderete di continuare il percorso.

emmy-linea-aiuto numero verde

Submit

 

2 Responses so far.

  1. gianluca caramaschi ha detto:

    Buongiorno,
    mia moglie in seguito ad un ictus, ha perso l’uso degli arti destri.
    Ha però fatto la patente speciale e guida con gli ausili, e premetto che ha difficoltà di deambulazione
    Deve rinnovare il contrassegno, ma all’ ASL hanno negato in quanto l’ultimo verbale inps, pur riconoscendo l’invalidità 100%, e permanente invalidità lavorativa, ha negato i requisiti per l’articolo 4 del D.L. 9 febbraio 2012 n.5
    E’ lecito? ho ha diritto ad usufruire del rinnovo?
    Se si come procedere?
    Grazie.
    Distinti saluti.
    Luca caramaschi

    • Valerio Sarmati ha detto:

      Salve Gianluca, se le condizioni motorie sono le stesse che diedero luogo al primo rilascio, il rinnovo deve essere autorizzato e non comprendo il motivo per il quale l’ASL si opponga a detto rinnovo. Forse, dal verbale dell’INPS è emerso che le condizioni motorie sono nettamente migliorate? Comunque, escludendo questa ipotesi, deve fare espressa richiesta scritta ed aspettare la motivazione che ne farà l’ASL e poi valutare se fare ricorso al Tribunale.