Le vostre esperienze

vita dopo un ictus

La battaglia contro l’ictus è più facile se ci si sente uniti con la consapevolezza di non essere soli. “La vita dopo un ictus, le vostre esperienze” è la prima iniziativa della futura Onlus Gruppo Ictus ed Emiplegia e rappresenta il contenitore delle testimonianze di chi, familiare o paziente, si trova a fare i conti con l’ictus e con tutto quello che ne consegue. Scoprire le esperienze positive, i traguardi, le difficoltà, i successi e gli insuccessi di chi prima di noi ha affrontato l’esperienza dell’ictus ci offre uno strumento di condivisione ed orientamento enormemente efficace. Scoprire come sono stati superati ed affrontati alcuni problemi pratici ed esistenziali dagli altri ci permette di “navigare” orientati dal faro dell’esperienza collettiva. Come sappiamo, l’ictus colpisce il paziente ma allo stesso tempo tutta la famiglia ne viene coinvolta; per questo “La vita dopo un ictus” è uno spazio di condivisione aperto indistintamente al paziente ed ai suoi familiari.

Ogni esperienza relativa al mondo dell’ictus per noi è importante: qualsiasi sia il contenuto e le vicende narrate, è fondamentale poter condividere le nostre storie.

Inviaci la tua esperienza per E-mail a lavitadopounictus@gmail.com. Scrivi in tutta libertà senza pensare troppo alla forma: la tua esperienza può aiutare qualcun’altro nella tua situazione, o qualcun’altro può aiutare te. Questo è il senso.

Redazione “La vita dopo un ictus. le vostre esperienze”

Veronica Prampolini

Email: lavitadopounictus@gmail.com

storie di pazienti

storie di familiari

4 Responses so far.

  1. caterina ha detto:

    Bella la onlus

  2. Sissi mia ha detto:

    Conosco bene Giuseppe,so che ha la forza per superare tutto questo e riuscirà sicuramente perchè ha vicino sua figlia il suo errore è stato appoggiarsi alla persona sbagliata e quello di condurre una vita esagerata dimenticando che oltre alle otturazioni alla carotide aveva problemi con la pressione e di colesterolo e che non doveva abbandonare le cure che stava facendo per andare dietro ad una che più che una donna era una ragazzina. Forza Peppe, siamo tutti conte, tua figlia in testa.

  3. raffaela ha detto:

    salve mio Marito il 31 ottobre a avuto un ictus ischemico e stato ricoverato 12 giorni in ospedale dalle indagini che hanno fatto cè stato riferito che per la pressione alta dal 12 novembre e ricoverato in un centro di recupero i medici dicono che stà recuperando lentamente da un pò lui si lamenta che gli fà molto male la mano il piede e che non riesce a camminare bene e la mano si gonfia aspetto una vostra risposta grazie

  4. Elena ha detto:

    Raffaela dí a tuo marito che porti pazienza, purtroppo si tratta di dolori detti ” neuropatici” conseguenti all ictus ma i dott. Dovrebbero averglielo detto… e prescritto farmaci che glieli calmano.. Se non glieli hanno dati chiedete/é nel diritto del malato!! – farmaci contro il dolore!.con il tempo i dolori si attenueranno
    . Tanti cari auguri a tuo marito,
    scrivimi se hai bisogno un abbraccio
    Elena