Home » La vita dopo un ictus, le vostre esperienze » familiari » Sono certa che tornare a casa gli farà bene

Sono certa che tornare a casa gli farà bene

Stroke. Suffering

Dal 10 aprile lottiamo insieme al mio papà colpito da ictus ischemico lato destro, con relativa paralisi lato sinistro.

La lesione è abbastanza massiva,  tutto è stato causato da un trombo impazzito che ha fatto succedere questa disgrazia, più forte di tutti noi, e di lui che a 76 anni era una roccia, che Hulk gli faceva un baffo , ma tant’è…

Ora dal 27 aprile è ricoverato in un centro riabilitazione di Lugo di Romagna, noi siamo di Ravenna.

Al momento non riesce ancora a stare dritto e ha bisogno del sollevatore per i vari passaggi da letto e carrozzina e viceversa.

Io negli ultimi giorni piccoli miglioramenti ne ho visti, ma ciò che mi preoccupa è questa smania che in questi ultimi giorni è stata tenuta a bada da tranquillanti, che però oggi non mi sembra aver sortito effetto, dal momento che era molto nervoso e ha voluto mangiare poco nonostante sia sempre stato di buon appetito!

Dice che sente ribollire il sangue e questo ci fa stare veramente tanto male! Ha problemi di ansio e qualcosa che non ricordo, e neglet, si chiama così??

Stanno addestrando me e mamma x un futuro ritorno a casa! So che sarà durissima, ma bramo questo momento, sono certa che a lui tornare a casa possa fare bene!

Sono molto preoccupata, so che non potrà tornare quello di prima, ma farò di tutto per aiutarlo in tutto ciò di cui avrà bisogno!

Ciao da Barbara, la terza di una sorella è un fratello più grandi, la mia mamma dovrà trovare tutta la forza x assistere l’uomo che da 52 anni è suo marito.

Grazie dell’opportunità spero possiate darmi un po’ di conforto.

2 Responses so far.

  1. fabiana ha detto:

    Barbara,io ho 40,ho avuto 3anni un ictus al emiparesi destra.ho due figlio.ho lasciato il mio ex compagno.io rinascita….mollo ma piego……e questo lo dire pure che siete la famiglia .molliamo mai…..fammi sapere com’è va…fabiana

  2. Marina ha detto:

    Ti capisco, sono la più piccola (27 Anni) e i miei fratelli hanno gettato la spugna e vogliono mettere nostro padre in casa di riposo. Ha avuto una grave emorragia che l’ha lasciato paralizzato al lato sinistro. Tra tranquillanti e il resto è in un perenne stato confusionale. Mia mamma vuole portarlo a casa e avrà bisogno di tutto l’aiuto possibile ma i miei fratelli le remano contro ed è difficile. Ti mando un abbraccio e ti sono vicina