Home » Emmy Linea Aiuto » Ictus e Sessualità: il problema dell’aneiaculazione.

Ictus e Sessualità: il problema dell’aneiaculazione.

aneiaculazione

Questa è stata una delle prime richieste di informazioni pervenute al numero verde di Emmy Linea Aiuto, la domanda nello specifico è stata:

Ho avuto un ictus, è normale che durante i rapporti sessuali non riesco ad eiaculare?

Ovviamente si tratta di una domanda di tipo clinico a cui solo uno specialista può rispondere, ma il nostro ruolo è anche di orientamento; quindi abbiamo suggerito al nostro amico di rivolgersi in primo luogo al medico di famiglia, sarebbe stato poi probabilmente  lui  ad indirizzarlo ad uno specialista in urologia. Per fortuna il nostro amico si era già mosso in questa direzione autonomamente.
Mentre  aspettavamo il responso medico, abbiamo provato a stimolare la discussione di questo tema all’interno del nostro gruppo di facebook;  con la speranza che qualcuno con lo stesso problema o con uno simile potesse condividere la propria esperienza.
Tuttavia nessuno nello specifico nel gruppo ha sofferto o soffre tuttora di un disturbo simile, ma sono emersi comunque spunti di riflessioni su altri temi affini ad ictus e sessualità.

Nel frattempo il nostro amico tornato dal consulto con l’urologo è stato così gentile da informarci sull’esito della visita, in modo da condividere con gli altri attraverso noi.

Pertanto nel caso specifico del nostro amico, il suo medico ha detto:

La aneiaculazione è sicuramente una sequela dell’ischemiacerebrale e, anche se dovesse diventare permanente, non crea patologie all’organismo. In definitiva lo sperma finisce in vescica e viene espulso con le urine.

Questa è l’esperienza che il nostro amico ha avuto e che noi riportiamo fedelmente qui nella nostra rubrica a fini puramente divulgativi, senza sostituirci al ruolo medico o confermare o confutare tale responso, pertanto invitiamo il lettore interessato personalmente da questa problematica a rivolgersi direttamente al proprio medico curante.
Ricordiamoci sempre che ogni persona è un caso a sè.

Emmy Linea Aiuto